Tag: metal

TOP ALBUM DEL 2017: LE CLASSIFICHE DELLA REDAZIONE!

Il Natale si sa, quando arriva arriva..e con lui la fine dell’anno! Tempo di bilanci, tempo di classifiche. Il 2016 ci ha dato molte soddisfazioni, e dopo lunghi e prolungati ascolti, infinite discussioni ed indecisioni, ecco finalmente i TOP ALBUM del 2017 secondo la redazione di LUMEEN!   ANDREA LEROSE: 1. VIOLET COLD – “Anomie”

SONS OF APOLLO – Psychotic Symphony

A CURA DI GIAMPAOLO LEO   Cercare di recensire un “supergruppo” diventa spesso qualcosa in bilico tra l’avventuroso, il pericoloso e lo scontato, perché il rischio di cadere nella banalità e nell’ovvietà è sempre dietro l’angolo. Il curriculum che ogni membro dei SONS OF APOLLO potrebbe esibire ad un simbolico incontro di lavoro farebbe impallidire

CALIGULA’S HORSE – In Contact

Per il loro quarto album, intitolato “In Contact”, gli australiani CALIGULA’S HORSE hanno deciso di gettarsi in una delle sfide più gettonate tra le band progressive di tutti i tempi: la realizzazione di un concept. Il tema principale del lavoro è, a parole loro, “la natura dell’arte e della creatività; una celebrazione di ciò che ci unisce in quanto

NE OBLIVISCARIS – Urn

Da buoni “secchioni” del metal quali sono, gli australiani NE OBLIVISCARIS amano farcire le loro uscite discografiche di riferimenti colti, raffinatezze varie e trovate a effetto. Ma il loro progressive metal non è una semplice ostentazione di tecnica sovrumana e complessità fine a sé stessa, bensì un esempio di gusto e inventiva ai massimi livelli, come sempre meno

THE BLACK DAHLIA MURDER – Nightbringers

Un nome, una garanzia: da una quindicina d’anni i THE BLACK DAHLIA MURDER sono tra i pesi massimi del death metal a stelle e strisce, autori di lavori molto spesso ben al di sopra della media. Qualità, tecnica e idee non gli sono mai mancate; eppure – nonostante il clamoroso successo commerciale degli ultimi quattro dischi, tutti

BLUT AUS NORD – Deus Salutis Meae

Tre anni fa i francesi BLUT AUS NORD pubblicavano “Memoria Vetusta III: Saturnian Poetry”, ultimo capitolo di una trilogia iniziata nel 1996 con “Memoria Vetusta I: Fathers of the Icy Age” e proseguita nel 2009 con “Memoria Vetusta II: Dialogue with the Stars”. Un deciso e convincente ritorno al black metal tradizionale, non privo di spunti melodici, dopo

MOONSPELL – 1755

Quella dei MOONSPELL è stata fino ad oggi una ricerca musicale partita, più di vent’anni fa, oltre i confini geografici, musicali, per l’appunto, e culturali fino ad allora segnati da esperienze prevalentemente nordiche ed anglosassoni. Una ricerca ancora in atto come dimostra l’ultimo album, uno che, di fatti, tenta un’evoluzione del lavoro fin qui svolto

DREAM THEATER – Awake

A CURA DI FRANK R.   Se esiste una band che ha nettamente rivoluzionato non solo il concetto, ma soprattutto la concezione di metal, quella è i DREAM THEATER. Questo posso dirlo senza timore di essere smentito: la band di Boston non solo si è sempre dimostrata capace di incentivare l’evoluzione del genere puntando sulla

SCUORN – Parthenope

A CURA DI GIAMPAOLO LEO   Un symphonic black metal farcito di musica folk è talvolta proposta che ai più potrà sembrare scontata e insipida…ma dopo aver messo il cd nel lettore e inforcato le cuffie, il suono creato da questo sorprendente act campano pervade e sconvolge inesorabilmente i padiglioni auricolari. Quello che ci regala

CANNABIS CORPSE – Left Hand Pass

Saranno anche solo degli spiritosoni con una smisurata passione per la marijuana, ma quando si tratta di suonare dell’ottimo death metal vecchio stile i CANNABIS CORPSE sanno il fatto loro. Tra le band di riferimento, oltre ai facilmente intuibili Cannibal Corpse, ci sono i pezzi grossi del genere che ha vissuto la sua epoca d’oro negli anni ’90:

ENSLAVED – E

Il quattordicesimo album degli ENSLAVED si chiama semplicemente “E”. Una singola lettera per esprimere più significati: oltre a essere il quinto simbolo dell’alfabeto latino, infatti, è anche e soprattutto un riferimento alla runa che, nella lingua protogermanica, indicava il termine per “cavallo”, ma anche per “fiducia” e “collaborazione”. Sin dal titolo, quindi, i cinque norvegesi chiariscono la natura di

CYHRA – Letters To Myself

A CURA DI GUIDO PRANDO   Apriamo questa recensione salutando i CYHRA, nuova band che si lancia nella scena Metal con il loro album d’esordio “Letters To Myself”. Nonostante siano al primo progetto assieme, l’esperienza non manca a questa formazione composta dal vocalist Jake E. (ex-AMARANTHE), Jesper Stromblad, Peter Iwers (entrambi ex-IN FLAMES) e Alex