Max Cavalera, in una recente intervista a Metal Insider,  ha parlato in merito alla sua decisione di fondare i SOULFLY dopo aver abbandonato i SEPULTURA nel 1996:

“Guardando indietro, è stato un momento davvero difficile della mia vita, perché non avevo mai e poi mai pensato di lasciare la band. Per il primo mese non ho più nemmeno voluto suonare e pensavo:
‘Ho chiuso’.

Volevo solo drogarmi e ubriacarmi e fanculo tutto! Ma poi, un po’ alla volta, ho iniziato a comporre delle cose e ha qualcosa ha iniziato ad uscire. Era figo, perché aveva gli stessi elementi di quello che facevo prima. I riff, le strutture, i ritornelli, tutto era molto simile. Ma era un momento difficile e sono felice che sia finito… non vorrei mai più tornare indietro.
Il primo album dei SEPULTURA è piaciuto a molti, tanti dicono che è il loro preferito fra tutti. Forse è perché c’era un po’ di disperazione su quel disco… 
I SEPULTURA avevano un posto speciale nel mio cuore, erano come il mio primogenito. Ora, se ci ripenso a distanza di tempo, Igor e io avremmo dovuto semplicemente licenziare quei due coglioni (Andreas Kisser e il bassista Paulo Xisto Pinto Jr.) e tenerci il nome. Non so perché non l’abbiamo fatto. Quella volta non l’abbiamo vista così, quindi me ne sono andato.”

cavalera-conspiracy-2015

No votes yet.
Please wait...