Riuscire a sopravvivere alla morte di un figlio è un’impresa.

Riuscire addirittura a scriverne è ancora più grande, forse, come impresa.

C’è riuscito NICK CAVE coi suoi THE BAD SEEDS, con questo nudo capolavoro intitolato “Skeleton Tree”.

Circa un anno fa, nel 2015, il figlio 15enne di Nick, Arthur, cade da una scogliera e muore. Da lì un percorso duro e sicuramente molto difficile per il cantautore, che riesce a partorire un album incredibile e denso.

Soli 8 brani, scarni nella sua essenza ma pienamente arrangiati dal grande WARREN ELLIS. “Jesus Alone”, primo singolo estratto dall’album, è sicuramente un ottimo apripista per questo viaggio musicale molto, molto doloroso. Il tema della morte e dell’abisso umano, già presente in tutta la poesia di Cave, è qui ancor più profondo e lancinante, e lascerà quasi senza respiro l’ascoltatore.

Non prenderò in esame i brani, per il semplice motivo che sarebbe cosa inutile in questo caso. Consiglio un ascolto intenso e motivato e, sicuramente, ripetuto.

VOTO: 10

918mlf7uedl

No votes yet.
Please wait...