Partiamo subito col dire che no, non è un brutto disco. Purtroppo però, non è nemmeno un gran bell’album. I NEUROSIS, che da poco hanno festeggiato i 30 anni di carriera, sono ben lontani dai fasti di “Souls At Zero”, per esempio.

I presupposti per un ottimo lavoro (sicuramente migliore di “Honor Found In Decay” del 2012) ci sarebbero anche: manca però quel mordente, quella voglia (?) di fare forse un ottimo album. Produzione affidata a Steve Albini e soli 5 brani, per questo “Fires Within Fires”, che si aggiudica a malapena una sufficienza. Albini non rende affatto merito ai brani del disco, attribuendogli un prodotto finale piatto, insipido e lontanissimo dall’idea iniziale di una band che ha dato il “La” a molti altri gruppi e che è stata presa a modello da un’infinità di fan, che in parte oramai possono definirsi di lunga data (ovviamente parlo degli storici).

Quello che ne emerge è forse una mancanza di idee di fondo, che non permette all’ascoltatore di andare fino alla fine di questo “Fires..” con gusto e passione. Riff micidiali come in “Fire Is The End Lesson” non salvano l’intero lavoro, in fin dei conti, ed elementi quasi post-rock come in “Broken Ground” vengono ahimè sviliti sempre dagli stessi suoni che in studio non hanno per nulla reso come avrebbero dovuto. Un disco piatto, a tratti molto deludente, che in parte viene rovinato dalla produzione e in parte dalla band, che questa volta non convince affatto. Squadra che vince non si cambia, è vero, ma complice un pò l’andare avanti del tempo e forse anche un pò di stanchezza, sembra che i Neurosis abbiano un pò perso lo smalto dei primi tempi e dei primissimi capolavori. Peccato.

VOTO: 6

RSVP: CULT OF LUNA, ISIS

LABEL: NEUROT RECORDINGS

ANNO: 2016

avengedsevenfoldstagesingle

Tracklist:

Bending Light
A Shadow Memory
Fire is the End Lesson
Broken Ground
Reach

No votes yet.
Please wait...