Tag: review

MAUSOLEUM GATE – Into A Dark Divinity

Seconda fatica discografica, sotto l’ala protettrice dell’etichetta Cruz Del Sur, per i finlandesi MAUSOLEUM GATE, band nata nel lontano 2009 e che, votata anima e corpo nella ricerca di sonorità che, sebbene legate all’heavy classico degli anni ’80, è riuscita a sviluppare una propria identità visiva. Per farsene una chiara idea è necessario ammirare le

NEUN WELTEN – The Sea I’m Diving In

I tedeschi NEUN WELTEN sono una delle realtà più interessanti e apprezzate della scena dark folk europea. Attivi da quindici anni, sono riusciti a ritagliarsi il loro spazio e ad attirare un numero sempre crescente di ascoltatori grazie a una proposta musicale intensa e intrigante. Il terzo album del quartetto di Lipsia – composto da

ANTROPOFAGUS – Methods of Resurrection Through Evisceration

Gli italiani ANTROPOFAGUS festeggiano i 20 anni di carriera con il nuovo album “Methods of Resurrection Through Evisceration”, terzo full-lenght per il quartetto genovese. Un traguardo importante per una realtà significativa della scena death metal nostrana, capace di reggere il confronto con tanti nomi stranieri più blasonati.   In “Methods of Resurrection Through Evisceration” il

SUFFOCATION – …Of the Dark Light

Un nuovo album dei SUFFOCATION rappresenta sempre un piccolo evento; soprattutto nel caso di questo “…Of the Dark Light”, ottava prova in studio per il quintetto newyorkese. L’ingresso stabile in formazione di due giovanissimi talenti come Charlie Errigo (chitarra) e Eric Morotti (batteria) rappresenta un passo in avanti verso un suono più moderno, ricco di sfaccettature

INVIDIA – As The Sun Sleeps

Nelle fila degli INVIDIA ci sono membri o ex-membri di band come Five Finger Death Punch, In This Moment e Skinlab. “As The Sun Sleeps” è la loro prima prova in studio e suona esattamente come ci si potrebbe aspettare considerando il background dei musicisti coinvolti: un mix tra nu metal e hard rock senza

DØDSRITUAL – Under Sort Sol

I DØDSRITUAL sono un duo norvegese che propone un black metal definito da loro stessi “luciferino” e “misantropo”. Nevresch e Undertrykker non saranno il massimo dell’allegria, ma conoscono bene il mestiere: i due, infatti, collaborano da quasi venticinque anni e hanno accumulato molta esperienza con i loro precedenti progetti (Ravner e Hat).   “Under Sort

42 DECIBEL – Overloaded

I 42 Decibel sono quattro ragazzi argentini con una grande passione per i suoni vintage e grezzi dell’hard rock anni ’70. La band di Buenos Aires, nata nel 2010, si è fatta le ossa grazie a un’intensissima attività dal vivo; l’anno scorso sono anche riusciti ad arrivare in Europa per il loro primo tour fuori

IN REVERENCE – The Selected Breed

“THE SELECTED BREED” è il primo album degli IN REVERENCE, trio death metal svedese che aveva già mostrato il suo valore nell’EP “Hallucination” del 2012. In questi cinque anni la band ha attraversato molte difficoltà e cambi di line-up, ma ha anche avuto modo di maturare un tipo di esperienza inedito per dei debuttanti: questo

DESTRAGE – Ecco le nuove date del tour (NEWS)

E’ uscita ieri la nostra recensione del loro nuovo album, “A Means To No End”, ed i DESTRAGE sono pronti per affrontare un succoso tour.   Di seguito ecco il comunicato ufficiale di Bagana Rock Agency: Il tour italiano dei DESTRAGE si arricchisce di sette nuovi appuntamenti live nei primi mesi del 2017! Dopo il

ANAAL NATHRAKH – The Whole Of The Law

Se c’è un gruppo che riesce ad unire svariati elementi di rilievo quando parliamo di metal, come grindcore, industrial, death metal ecc. questo è proprio il caso degli ANAAL NATHRAKH. Un duo che ha partorito ben 9 album nel giro di pochi anni, tutti bene o male di livello più che buono e degni di

KORN – The Serenity Of Suffering

Non è difficile nel 2016 riuscire a parlare dei KORN, più che altro per le continue correnti e contro-correnti che negli ultimi anni si sono schierate in maniera opposta l’uno all’altra, chi a favore e chi contro. Ci sono gli assoluti detrattori, quelli che i Korn oramai sono “quelli che fanno dubstep con Skrillex”, e

NICK CAVE & THE BAD SEEDS – Skeleton Tree

Riuscire a sopravvivere alla morte di un figlio è un’impresa. Riuscire addirittura a scriverne è ancora più grande, forse, come impresa. C’è riuscito NICK CAVE coi suoi THE BAD SEEDS, con questo nudo capolavoro intitolato “Skeleton Tree”. Circa un anno fa, nel 2015, il figlio 15enne di Nick, Arthur, cade da una scogliera e muore.