HATEBREED + DYING FETUS + HIEROPHANT (Live Report)

E’ una fresca serata di aprile, e a Bologna arrivano tre band a scaldare gli animi: si tratta di HIEROPHANT, DYING FETUS e HATEBREED. Zona Roveri, il locale che ospita l’evento, è caldo, non affollato (all’inizio, ma poi…) e ricco di metallari che non aspettano altro di sentire del buon metal rovente.

HIEROPHANT

Il gruppo, italianissimo, ha un compito abbastanza duro: quello di pompare gli animi in vista degli altri due grandi nomi della serata, Dying Fetus ed Hatebreed. E’ uscito da poco il loro ultimo album, “Mass Grave”, pubblicato lo scorso novembre per Season Of Mist, ed il gruppo ha tutta l’intenzione di scaricare un pò di sano metallo sui paganti bolognesi, prima di continuare il tour in giro per Europa ed Asia. Un set non eccessivamente lungo ma pieno di pathos, il loro, aiutati particolarmente dai suoni e dai brani scelti per la serata. Suoni potenti, pieni, aggressivi, e muro sonoro indiscutibilmente pesante e violento. Prova ardua, quindi, quella degli Hierophant in questa serata: superata alla grande, oseremmo dire. Il pubblico apprezza parecchio il quartetto, che ringrazia e lascia spazio alla band successiva. Bravi!

 

DYING FETUS

Dal Maryland arrivano i DYING FETUS, con un set semplice quanto scarno – visibilmente parlando – ma con un bagaglio di esperienza e violenza come pochi altri attualmente in circolazione. “Wrong On To Fuck With” – il nuovo album –  uscirà a fine giugno per Relapse Records, e la band sta girando l’Europa per promuovere non solo qualche brano nuovo, ma anche i grandi classici della band. Formazione di sempre, John alla chitarra e voce, Sean al basso e voce, ed il “silenzioso” Trey alla batteria. Circa un’oretta di set per ciò che sarà l’esperienza più technical-death della serata. I brani vengono proposti uno dopo l’altro senza troppa esitazione, il pubblico è partecipe, ed i circle-pit non sono mai abbastanza. Nonostante infatti la “piccola” capienza – rispetto ad altri locali più grandi, s’intende – infatti, la gente gira e poga intorno quasi continuamente. Vengono suonati anche brani nuovi, come “Fixated On Devastation”, dal nuovo album in uscita. Suoni favorevoli, tecnica indiscutibile del trio, che nonostante i quasi 30 anni di attività, riesce ancora a sfornare prestazioni simili dal vivo e dischi in studio importanti. Con la promessa di “rivedersi presto da queste parti”, i Dying Fetus salutano e ringraziano dopo uno show feroce, per lasciar spazio agli HATEBREED.

 

Setlist:

Justifiable Homicide
Intentional Manslaughter
From Womb to Waste
Fixation on Devastation
Epidemic of Hate
Your Treachery Will Die With You
In the Trenches
Grotesque Impalement
Killing on Adrenaline

HATEBREED

Gli HATEBREED stanno per concludere questo “The European Confessional Part 1” tour assieme ai Dying Fetus, ed una delle ultimissime date di questa prima tranche tocca proprio Bologna come unica data italiana. Il pubblico è oramai sufficientemente pronto e carico per ospitare i Re dell’hardcore moderno. Jamey Jasta e soci non tardano un secondo ad arrivare, riempiendo il cuore di gioia ai molti accorsi all’evento. Il gruppo, in auge oramai da più di 20 anni, snocciola album uno dopo l’altro – l’ultimo è “The Concrete Confessional“, uscito il 13 maggio del 2016 – , soprattutto uno più figo dell’altro. Missione della serata: presentare almeno un brano per ogni disco pubblicato! Nulla da fare: la grinta degli americani Hatebreed è rimasta intonsa negli anni, dà ancora filo da torcere ai “novellini” del genere in tutto e per tutto. Band presente e partecipe, pubblico immerso nei circle-pit (che sembrano non terminare mai, stasera! 😀 ), ed un’ora di puro show hardcore. La folla canta, salta, ed il gruppo fa altrettanto, riprendendo persino una canzone per un “prossimo video in arrivo” (?)! Bravi tutti, bravi e carichissimi. Serate come queste…ad avercene!

 

Setlist:

A.D.
Looking Down the Barrel of Today
Seven Enemies
Puritan
Live for This
Something’s Off
Everyone Bleeds Now
In Ashes They Shall Reap
Empty Promises
Perseverance
Last Breath
To the Threshold
Tear It Down
Before Dishonor
Honor Never Dies
This Is Now
Proven
Betrayed by Life
Straight to Your Face
Under the Knife
Beholder of Justice
Defeatist
Destroy Everything
I Will Be Heard

No votes yet.
Please wait...