GLERAKUR – The Mountains Are Beautiful Now

Elvar Geir Sævarsson, compositore islandese e chitarrista degli Hellvar, dà vita al progetto chiamato GlerAkur come semplice valvola di sfogo strettamente personale; una sorta di laboratorio per “sperimentare nuove idee e meditare” senza troppi impegni. Ma le ambizioni sono alte e, nel 2015, arriva la prima occasione importante per mettersi in mostra: scrivere musiche per una nuova versione di “Fjalla-Eivindur og Halla”, un’opera teatrale molto nota in Islanda realizzata dal drammaturgo Jóhann Sigurjónsson nel 1911. Il testo di Sigurjónsson – di cui esiste anche una versione cinematografica diretta dal regista svedese Victor Sjöström nel 1918 – racconta la vera storia di Fjalla-Eyvindur, un fuorilegge vissuto sulle montagne islandesi nel 18° secolo, e della sua turbolenta e tragica storia d’amore con la moglie Halla.

 

I cinque brani di questo “The Mountains Are Beautiful Now” sono una rivisitazione del lavoro svolto da Sævarsson per il National Theatre of Iceland nell’inverno di due anni fa. In questo arco di tempo, i GlerAkur sono diventati una band vera e propria (formata da ben quattro chitarristi, due batteristi e un bassista) e hanno partecipato a eventi di grande richiamo come il Prophecy Festival in Germania. Il progetto ha trovato nella dimensione live il suo “habitat” ideale; ciò ha contribuito non poco alla definizione del suono di questo album, più corale e ricco di sfaccettature di quanto ci si potrebbe aspettare da una one man band.

 

Nonostante le pesanti modifiche portate avanti in fase di registrazione, in “The Mountains Are Beautiful Now” resta evidente la matrice “teatrale” – da colonna sonora – dell’opera: si tratta di musica strumentale dalla grande forza evocativa, in grado di spaziare tra generi diversi come ambient, folk, doom, drone e post-rock; pochissimo spazio per il metal, a esclusione di alcuni passaggi più sostenuti in brani come “Can’t You Wait”, “Strings” e nella coda della conclusiva “Fagurt Er Á Fjöllunum Núna”. I GlerAkur costruiscono il loro personalissimo sound innalzando un muro di chitarre – con semplici riff ripetuti in loop e frasi piene di effetti (riverbero, eco, delay, tremolo…) a fare da intelaiatura –  e cercando, al tempo stesso, di infondere emozioni e sensazioni diverse in ogni brano.

 

“The Mountains Are Beautiful Now” è un disco molto profondo, la cui essenza mistica e più intrigante è legata a filo doppio alla terra in cui è stato scritto e registrato: l’Islanda, paese ai confini del mondo, patria del bandito Fjalla-Eyvindur e, più recentemente, di eccezionali musicisti come Björk e i Sigur Rós, ai quali i GlerAkur devono sicuramente più di qualche spunto.

 

VOTO: 7

 

RSVP (Raccomandati Se Vi Piacciono): Ulver, Swans, Sunn O))), Sigur Rós, Nordic Nomadic

 

Label: Prophecy Productions 

Anno: 2017

Tracklist:

Augun Opin

Can’t You Wait

HallAlone

Strings

Fagurt Er Á Fjöllunum Núna

No votes yet.
Please wait...