Autore: Lumeen.it

X JAPAN – Intervista a Yoshiki: una malinconica dolcezza

Il 14 ottobre, a Firenze, abbiamo avuto la possibilità di scambiare quattro parole con YOSHIKI, batterista, compositore e mainman degli X Japan in occasione della premiere del film “We Are X” (la cui colonna sonora l’abbiamo recensita qui). Una strada lunga, travagliata e triste ha portato alla realizzazione di questo film autobiografico in cui la

ANGEL VIVALDI – Synapse

Se c’è un album che la nostra redazione sta continuando ad ascoltare da giorni, questo è proprio “Synapse” del buon ANGEL VIVALDI. Virtuosissimo della 6 corde, contornato da un team di amici e musicisti sempre pronti a dargli una sonora mano, il Nostro Vivaldi sforna a ripetizione album, EP e collaborazioni. Con questo “Synapse”, pseudo-concept

GLERAKUR – Dalla meravigliosa Islanda giunge un canto di pace ed armonia..

Uscito da poco il primo full-length ufficiale dei GLERAKUR, “The Mountains Are Beautiful Now”, abbiamo scoperto assieme al fondatore del progetto, Elvar Geir Sævarsson, tantissime cose sull’Islanda e sui suoi così “musicali” paesaggi..   1)  Elvar Geir Sævarsson, compositore, chitarrista degli HELLVAR, ingegnere del suono: com’è nato il  progetto GlerAkur, e perché? Il progetto GlerAkur è nato

ARCH ENEMY – Will To Power

Non sono un fan del death metal. Non che non mi piaccia, lo ascolto e a volte lo apprezzo, ma non lo inserirei mai tra i miei generi preferiti. Certamente però prediligo, tra i vari sottogeneri che spingono ad una fugace quanto spesso grossolana catalogazione, il death metal più melodico, morbido, ancora meglio se tecnicamente

MATTEO BRIGO – 88 miglia orarie, baby!

Dopo l’uscita dello spettacolare “It Works!”, abbiamo fatto quattro chiacchiere con lo scienziato pazzo, MATTEO BRIGO. Ecco cosa ci ha detto…     1)      Ciao Matteo! Parliamo subito di “It Works!”, il tuo debut album da solista: com’è nata l’idea di volerti spingere “da solo” verso un album completamente strumentale?   Ciao a tutti e

LUMEEN.it CERCA UN COLLABORATORE!

Lumeen.it è alla ricerca di un nuovo collaboratore! Sei un giovane appassionato di rock, metal e affini ed hai un pò di tempo libero da dedicare alla scrittura? LUMEEN CERCA TE! Stiamo cercando un vero appassionato di musica che possa scrivere recensioni, interviste, live report ed articoli speciali! Hai voglia di ascoltare sempre musica nuova?

MATTEO BRIGO – It Works!

L’esordio discografico solista di MATTEO BRIGO, già chitarrista dei MAIEUTICA dal 2009, si presenta come un concept album all’insegna della follia nerd-retrò di stampo chitarristico/virtuoso. Se avete a cuore le ambientazioni anni ’80, la trilogia di “Ritorno Al Futuro” – ma anche un pò “Frankenstein Junior” e le schitarrate appassionate beh, questo è sicuramente il

NEUN WELTEN – L’autunno ed il mare che ci portiamo dentro..

“The Sea I’m Diving In” dei tedeschi NEUN WELTEN è un album intriso di malinconia e di sfumature post-wave, un lavoro denso di significati e pieno di energia. Ma come nasce la musica dei Neun Welten? Lo abbiamo chiesto proprio a loro…   1) Ciao ragazzi e grazie per esser qui assieme a noi! Parliamo

NAZGHOR – Oscurità e tenebre dalla Svezia

In occasione dell’imminente uscita del nuovo album dei NAZGHOR, “Infernal Aphorism”, abbiamo voluto approfondire con Nekhrid, il cantante, alcuni aspetti che si celano dietro le registrazioni dell’album.   1)Ciao ragazzi! Abbiamo ascoltato il vostro nuovo album, “Infernal Aphorism”, ed è veramente una mazzata incredibile! Che ne pensate? Il risultato finale vi soddisfa? Ciao ragazzi di

NAZGHOR – Infernal Aphorism

Sesto album in studio per gli iper-produttivi NAZGHOR, che dal 2013 ad oggi hanno lavorato senza sosta per un’unica mastodontica causa: il black metal. Svedesi di nome e di fatto. Come sappiamo, la Svezia ha sempre conservato una matrice più melodic-oriented all’interno dei suoi generi musicali, dal death metal al black metal (contrariamente a Finlandia

BLACK SABBATH – Vol.4

Si stima che nel 1972, per la realizzazione di questo disco, i BLACK SABBATH abbiano speso una somma pari a circa 70000$ (attuali) di Dollari solo in cocaina. COCAINA. Questo “Vol.4“, “casualmente” quarto disco della band, doveva in realtà intitolarsi “Snowblind”, ma il titolo fu stroncato sul nascere dal management in quanto troppo correlato alla